Giorgio Diritti

Regista

Giorgio Diritti

Regista

Biografia

Come autore e regista dirige documentari, cortometraggi e programmi televisivi. In ambito cinematografico il suo primo cortometraggio, Cappello da marinaio (1990), viene selezionato in concorso a numerosi festival internazionali. Nel 1993 realizza il film per la tv Quasi un anno. Il suo film d’esordio, Il vento fa il suo giro (2005), partecipa ad oltre 60 festival nazionali ed internazionali, vincendo una quarantina di premi. Riceve 5 candidature ai David di Donatello 2008 e 4 ai Nastri D’argento 2008. Il suo secondo film, L’uomo che verrà (2009), viene presentato nella selezione ufficiale del Festival Internazionale del Film di Roma 2009, dove vince il Gran Premio della Giuria Marc’Aurelio D’argento, il Premio Marc’Aurelio D’oro del Pubblico e il Premio “La Meglio Gioventu`”. Partecipa a molti festival italiani ed internazionali ricevendo numerosi riconoscimenti (3 ai David di Donatello 2010 e altrettanti ai Nastri d’Argento 2010). Parallelamente all’attività cinematografica, documentaristica e audiovisiva, Diritti lavora in ambito teatrale dove produce e dirige vari spettacoli. Tra il 2010 e il 2011 cura la regia de “Gli occhi gli alberi le foglie”, una riflessione teatrale e cinematografica sul senso dell’educazione e dell’insegnamento. Nel 2012 realizza un documentario per il nuovo circuito di musei bolognesi Genus Bononiae nel quale svela il patrimonio che ha reso famosa nei secoli la sua città. Del 2013 il film Un giorno devi andare, di cui ha curato anche soggetto e sceneggiatura, e che viene presentato in anteprima al Sundance Film Festival. Nel 2016 realizza “Bologna 900”, il mini-film di 35 minuti per celebrare il nono centenario del Comune di Bologna,.